Richiesta di accesso agli atti

  • Servizio attivo

Servizio che consiste nel diritto di prendere visione e/o estrarre copia di documenti amministrativi.


A chi è rivolto

Soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale.

Descrizione

L'accesso documentale, previsto dal capo V della L. n. 241/1990 e s.m.i., permette a un soggetto di richiedere documenti, dati e informazioni detenuti dalla Pubblica Amministrazione riguardanti attività di pubblico interesse. Il soggetto deve detenere un interesso diretto, concreto e attuale, collegato a una situazione giuridicamente tutelata e connessa al documento oggetto di richiesta di accesso.

Come fare

L’istanza deve essere inviata attraverso l'apposito servizio online all’area di riferimento che detiene il documento.

Cosa serve

Per la presentazione dell'istanza di accesso agli atti occorre:

  • Compilazione del modulo online in tutte le sue parti.
  • Allegati documenti richiesti (carta identità e altri, se previsti).

Cosa si ottiene

Visione presso l'ufficio competente o copia dei documenti, informazioni o dati richiesti, secondo le modalità scelte nel modulo (email-pec-posta). Nel caso in cui la richiesta di accesso civico riguardi dati, informazioni o documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria l’amministrazione provvede a pubblicarli sul sito internet e a darne opportuna comunicazione al richiedente.

Tempi e scadenze

Il procedimento deve concludersi con provvedimento espresso e motivato entro 30 giorni dalla richiesta, con la comunicazione al richiedente e agli eventuali controinteressati. Decorsi inutilmente trenta giorni dalla presentazione, l’istanza si intende respinta. In caso di rifiuto totale o parziale dell’accesso o di mancata risposta entro il termine di trenta giorni, il richiedente può presentare istanza di riesame al Responsabile della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza che decide con provvedimento motivato entro il termine di 20 giorni.

Quanto costa

L'esame dei documenti è gratuito. Il rilascio di copia è subordinato al rimborso del costo di riproduzione, salve le disposizioni vigenti in materia di bollo, nonché i diritti di ricerca e di visura.

Accedi al servizio

Puoi utilizzare il canale digitale per accedere al servizio.

Oppure, puoi prenotare un appuntamento e presentarti presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

Condizioni di servizio

Per conoscere i dettagli di scadenze, requisiti e altre informazioni importanti, leggi i termini e le condizioni di servizio.

Contatti

Ufficio Urp e Protocollo

Descrizione 

L'Ufficio Prima Informazione è la struttura dedicata specificamente alla comunicazione con i cittadini e destinata ad operare come centro di informazione e orientamento per tutti i servizi e uffici comunali. Presso tale struttura la priorità viene data al contatto con il cittadino per facilitarlo nei rapporti con il Comune. Pertanto presso l’ufficio di prima informazione è localizzato anche l’ufficio protocollo, lo sportello per le segnalazioni e i suggerimenti, nonché il punto di ritiro delle notifiche pervenute attraverso Equitalia.

Servizi
  • Accoglienza e prima informazione allo sportello, al telefono e via email:
    • su tutti i servizi, gli uffici comunali e le pratiche amministrative (sedi, orari, modalità) con possibilità di ritirare moduli di domanda, facsimile, ecc, in collaborazione con l'ufficio comunicazione e settori comunali;
    • sulle principali competenze e sulle prestazioni di altri uffici e servizi pubblici della città.
  • Accettazione di suggerimenti, reclami e proposte da parte dei cittadini, sulle attività dell'ente e gestione in collaborazione con altri settori.
  • Accesso agli atti amministrativi comunali: regolamenti, archivio atti comunali (ordinanze, determinazioni dirigenziali, delibere ecc.), Albo pretorio online e sezione Amministrazione Trasparente.  Informazioni sulle modalità per esercitare il diritto di accesso agli atti dei settori comunali.
  • Associazioni: 
    • informazioni sul Registro comunale delle associazioni e consultazione, anche attraverso il portale comunale, sulla normativa (pubblicità, organizzazione di manifestazioni, vidimazione registri ecc.);
    • distribuzione della modulistica e ritiro delle dichiarazioni di iscrizione al Registro comunale, di rinnovo e aggiornamento dei dati, di richieste di accesso agli atti;
    • distribuzione e illustrazione di materiale informativo;
  • Messi: consegna degli atti giudiziari e di Equitalia;
  • Modulistica: L'Ufficio Prima Informazione collabora con altri settori comunali per la distribuzione e la raccolta di modulistica relativa a procedure di loro competenza;
  • Rete civica: Stesura e invio di una newsletter con notizie dal Comune di Zagarolo. Le informazioni riguardano attività istituzionali, novità sui servizi e i recapiti degli uffici comunali, nuove norme, scadenze (es. iscrizioni, bandi, agevolazioni), appuntamenti in città, attività per la terza età e per i bambini, notizie sulle associazioni. La periodicità è almeno mensile.
  • Protoccollazione: l'ufficio protocollo è preposto alla registrazione di tutte le istanze e della posta in entrata al Comune.
  • Postazione internet informativa.
  • Raccolta, ritiro, catalogazione e distribuzione al pubblico di materiale informativo e divulgativo su servizi istituzionali comunali o di altri enti, iniziative culturali e per il tempo libero.
  • Ricerche di leggi nazionali e regionali in banche dati dedicate (la ricerca è gratuita, il rilascio di fotocopie e la stampa di pagine non è consentita). Consultazione leggi.
  • Social network: selezione e pubblicazione di notizie su attività e servizi comunali e iniziative per il tempo libero nei profili istituzionali del Comune di Zagarolo sui social network.
  • Servizi Online: dal 1 marzo 2021 l'accesso ai servizi online può avvenire solo in possesso di CIE o SPID.
Normativa di riferimento
  • L. n. 150 del 7 giugno 2000 "Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni".
  • L. n. 265 del 3 agosto 1999 "Disposizioni in materia di autonomia e ordinamento, nonché modifiche alla legge 142/90".
  • L. n. 127 del 15 maggio 1997 "Misure urgenti per lo snellimento dell'attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo".
  • L. n. 675 del 31 dicembre 1996 "Tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali". Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 11 ottobre 1994 "Direttiva sui principi per l'istituzione ed il funzionamento degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico".
  • Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 27 gennaio 1994 "Principi sull'erogazione dei servizi pubblici".
  • D.Lgs. n. 29 del 3 febbraio 1993 "Razionalizzazione dell'organizzazione delle Amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'art. 2 della legge 23 ottobre 1992, n. 241" (artt. 11, 12).
  • D.P.R. n. 352 del 27 giugno 1992 "Regolamento per la disciplina delle modalità di esercizio e dei casi di esclusione del diritto di accesso ai documenti amministrativi, in attuazione dell'art. 24, comma 2, della legge n.241/90".
  • L. n.241 del 7 agosto 1990 "Nuove misure in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi" (artt. 7, 8, 9, 10, 22, 23, 24).
  • L. n. 142 dell'8 giugno 1990 "Ordinamento delle autonomie locali" (artt. 6, 7, 8).

Argomenti:

Pagina aggiornata il 21/03/2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri
Skip to content